NUTRIZIONE E CHIMICA DEGLI ALIMENTI

VITAMINA D – Fabbisogno, funzioni ed effetti collaterali

VITAMINA-D

Dal punto di vista biochimico esistono in natura differenti forme della vitamina liposolubile D: la D1, la D2, la D3, la D4 e la D5. Tuttavia nell’organismo umano le principali vitamine D, derivate dalla molecola del colesterolo, sono rappresentate dalla D2 (ergocalciferolo) e dalla D3 (colecalciferolo).

In generale la vitamina D può essere assorbita attraverso l’alimentazione oppure essere prodotta per sintesi endogena. Gli alimenti che contengono la vitamina D sono pochi; quantità apprezzabili si riscontrano nei pesci di mare, nell’olio di fegato di pesce e nelle uova. Latte, derivati del latte e carne contengono solo minime percentuali di questa importante vitamina di origine animale.

FABBISOGNO GIORNALIERO

Il fabbisogno giornaliero varia a seconda dell’età, del sesso e delle condizioni cliniche del paziente:

  • Per i lattanti si consigliano 10-25 μg/die
  • Per i bambini 10 μg/die
  • Per i maschi fino a 50 anni 5-10 μg/die
  • Per i maschi oltre i 50 anni 10 μg/die.
  • Per le femmine di età compresa tra 11 e 17 anni 5-15 μg/die
  • Per le femmine fino a 50 anni 5-10 μg/die
  • Per le femmine oltre i 50 anni 10 μg/die.
  • In gravidanza o in allattamento si consigliano 10 μg/die
  • Gli individui di età superiore ai 70 anni dovrebbero assumere 15 μg/die di vitamina D.
  • I livelli massimi di assunzione sono fissati per i bambini di età inferiore ad 1 anno a 25 μg/die, per i bambini di età superiore ad 1 anno e per gli adulti a 50 μg/die.

Purtroppo il fabbisogno giornaliero non sempre può essere assicurato dalla produzione endogena; infatti in Europa si stima che oltre il 50% della popolazione sia carente.

La vitamina D, per essere convertita nella sua forma attiva, necessita dell’esposizione ai raggi solari in quanto viene metabolizzata in vitamina D3 solo a livello cutaneo. E’ quindi necessario che l’individuo si esponga alla luce solare per un periodo ottimale; 10-15 minuti di esposizione solare permettono di immagazzinare dalle 3000 alle 20000 UI di vitamina D (40 UI = 1,03 μg di ergocalciferolo).

La vitamina D introdotta con l’alimentazione viene assorbita lentamente durante il transito intestinale, raggiungendo il picco plasmatico dopo 12 ore. Nel sangue la vitamina D si lega ad una proteina plasmatica denominata DBP (vitamin-D binding protein); il complesso vitamina D-DBP viene veicolato al fegato e successivamente convertito in 25-idrossi vitamina D.

RUOLO BIOLOGICO DELLA VITAMINA D

Il ruolo biologico di questa importante vitamina è molteplice ed in parte ancora sconosciuto. Fino ad oggi si è scoperto che la vitamina D prende parte a numerosi processi fisiologici: omeostasi del calcio e del fosforo, regolazione del sistema immunitario, regolazione della secrezione di insulina, regolazione della crescita e della differenziazione cellulare, buon mantenimento del tessuto nervoso e cardiocircolatorio.
Una carenza di vitamina D è associata a molte patologie del sistema scheletrico (es. osteoporosi, osteomalacia, rachitismo, ecc.) ed immunitario (es. psoriasi); inoltre alcuni studi scientifici hanno dimostrato che la carenza di vitamina D sia uno dei fattori scatenanti la depressione e l’aumento del rischio dello sviluppo di tumori.

funzioni della vitamina d

TOSSICOLOGIA

Dal punto di vista tossicologico dosi elevate di vitamina D possono provocare ipercalcemia, vomito, calcificazione dei tessuti molli e sarcoidosi; si consiglia l’assunzione sotto controllo specialistico ed una valutazione periodica della vitamina D presente nel sangue.

INTEGRAZIONE ALIMENTARE

Il Ministero della Salute ha fissato come limite di apporto massimo giornaliero negli integratori alimentari la dose di 50 microgrammi di vitamina D

Dott. Michele Moggio
Dott. Michele Moggio

Laurea Specialistica in Farmacia
Master in Naturopatia e Terapie Complementari

Bibliografia

Nair R, Maseeh A. Vitamin D: The “sunshine” vitamin. J Pharmacol Pharmacother. 2012;3(2):118-126. doi:10.4103/0976-500X.95506

P. Lips, Vitamin D physiology, Progress in Biophysics and Molecular Biology, Volume 92, Issue 1, 2006, Pages 4-8, ISSN 0079-6107, https://doi.org/10.1016/j.pbiomolbio.2006.02.016.

John S. Adams, Martin Hewison, Update in Vitamin D, The Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism, Volume 95, Issue 2, 1 February 2010, Pages 471–478, https://doi.org/10.1210/jc.2009-1773

Sassi, F.; Tamone, C.; D’Amelio, P. Vitamin D: Nutrient, Hormone, and Immunomodulator. Nutrients 201810, 1656. https://doi.org/10.3390/nu10111656

Copywrite:

https://pixabay.com/images/id-163715/

Food vector created by pch.vector – www.freepik.com

Foto di Pavel Danilyuk di Pexels

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *