NUTRIZIONE E CHIMICA DEGLI ALIMENTI

Nac integratore a cosa serve?

nac integratore a cosa serve

“Nac integratore a cosa serve?
La Nac, ovvero n acetilcisteina, come integratore è dotato di effetto antiossidante in quanto favorisce la sintesi del glutatione, una importantissima molecola detossificante e capace di neutralizzare i radicali liberi.
Il Ministero della Salute ha stabilito che la dose massima giornaliera di NAC (n-acetilcisteina) negli integratori alimentari deve essere di 600 mg. Purtroppo in commercio è possibile trovare prodotti alimentari con dosaggi superiori ai limiti di legge, per questo motivo è essenziale rivolgersi sempre al proprio medico o al proprio farmacista di fiducia.

 

LA STORIA DELLA NAC

La NAC (n-acetilcisteina) è stata scoperta all’inizio degli anni 60 da alcuni ricercatori della Mead Johnson come agente ad effetto mucolitico e fluidificante delle vie respiratorie. 

Questa molecola è infatti capace di scindere i legami disolfuro nelle proteine del muco e quindi può essere di aiuto, come farmaco, nel trattamento delle malattie ostruttive sia in fase acuta che in fase cronica, anche mediate da batteri o da virus.

L’applicazione della NAC come agente mucolitico ha inizio nel 1967; tuttavia, nel corso del tempo, sono state condotte numerose ricerche cliniche che hanno permesso di scoprire ulteriori proprietà farmacologiche per il trattamento di vari disturbi dell’apparato respiratorio (es. asma, bronchite, raffreddore, pertosse, fibrosi cistica, broncopatie croniche ostruttive).

Nel 1977 è stato descritto il primo utilizzo della NAC come antidoto per le intossicazioni da paracetamolo. In effetti questa sostanza è un salvavita quando viene somministrata per via endovenosa entro le 8 ore dall’intossicazione.

In particolare si eseguono 3 infusioni endovenose consecutive:

          La prima con una dose di 150 mg di NAC per ogni kg di peso corporeo

          La seconda di 50 mg/kg di peso corporeo

          La terza di 100 mg/kg di peso corporeo

In pratica il paziente riceve una dose totale di 300 mg/kg di peso corporeo entro 21 ore. Per i pazienti obesi si considera un peso massimo di 110 kg.

L’azione epatoprotettiva della NAC può essere utilizzata anche a seguito di altri tipi di avvelenamenti:

– Avvelenamento da funghi (es. amanita phalloides)

– Avvelenamento da pesticidi

– Avvelenamento da cloroformio

– Avvelenamento da policlobifenili

– Avvelenamento da metalli pesanti

– Intossicazione da ciclofosfamide

LA NAC COME FUNZIONA?

La capacità mucolitica e fluidificante della NAC è vera solo quando questa molecola viene utilizzata per via inalatoria e in alta concentrazione. Infatti si è scoperto che l’esposizione diretta a piccole concentrazioni di NAC (10 nM), a livello respiratorio, non spezza alcun legame disolfuro e svolge una limitata azione mucolitica.

Oltre a questo, la NAC è dotata di spiccate proprietà antiossidanti in quanto risulta essere il precursore di una importante molecola antiossidante presente nel nostro organismo, ovvero il glutatione.

NAC ASSORBIMENTO INTESTINALE

A differenza di quanto si credeva, la somministrazione orale risulta poco efficace in quanto si stima un assorbimento sistemico della NAC compreso tra il 4% e il 10%.

Queste percentuali sono molto basse e occorrono quindi alte dosi di n-acetilcisteina per raggiungere una concentrazione sistemica, o per meglio dire polmonare, efficace per svolgere il ruolo mucolitico. Ecco perché gli studi clinici che utilizzano meno di 1200 mg/die di NAC riscontrano pochi benefici per le malattie respiratorie.

 

NAC INTEGRATORE A COSA SERVE?

Come integratore alimentare la NAC è dotata di proprietà antiossidanti e favorisce la sintesi del glutatione, una delle principali molecole detossificanti presenti nel nostro organismo.

Il Ministero della Salute ha stabilito che i dosaggi massimi di NAC negli integratori alimentari siano di 600 mg/die

Ma è davvero necessaria tutta questa NAC?

 

La NAC rappresenta circa il 33% della molecola del glutatione. Quindi in linea teorica assumendo la dose massima giornaliera raccomandata, ovvero 600 mg di NAC, il nostro organismo dovrebbe essere capace di sintetizzare fino a 1800 mg di glutatione.

Naturalmente tutto questo è in linea teorica perché bisogna considerare tantissimi parametri come per esempio la biodisponibilità orale, la variabilità individuale, senza contare che gli aumenti più significativi dei livelli di glutatione plasmatici si hanno negli individui con basse concentrazioni di glutatione. Mentre gli individui con livelli normali di glutatione, non traggono particolari benefici dall’utilizzo di integratori a base di NAC o di glutatione per quanto riguarda l’aumento della concentrazione di glutatione plasmatica.

 

 

 

NAC o GLUTATIONE?

Meglio un integratore di NAC (n acetilcisteina) oppure di glutatione in termini di risultati antiossidanti?

Alcuni studi clinici hanno dimostrato che l’assunzione orale di 200 mg al giorno di NAC produce, a grandi linee, gli stessi risultati dell’assunzione di 450 mg al giorno di glutatione ridotto in termini di aumento delle concentrazioni plasmatiche di glutatione.

Il costo di 200 mg di NAC è in media 0,0559 euro mentre il costo di 450 mg di glutatione è in media 0,51786 euro.

La NAC costerebbe circa 9 volte di meno del glutatione a parità, quasi equivalente, di risultati antiossidanti.

NAC: TOSSICITA’ ED EFFETTI COLLATERALI

Come effetti collaterali la NAC è considerata sicura e non desta particolari pericoli per la salute umana.

 

È comunque sconsigliata in caso di allergia conclamata a questa sostanza o in caso di asma bronchiale poiché se il paziente è incapace di espettorare, le secrezioni fluidificate potrebbero rimanere nei polmoni e causare ritenzione di secreti. 

In qualunque caso dovesse presentarsi broncospasmo, il trattamento con la NAC deve essere tempestivamente sospeso.

I trattamenti a lungo termine, sia con integratori alimentari che con farmaci a base di NAC (n-acetilcisteina), devono essere attentamente monitorati poiché ad oggi si sa ancora poco dei suoi effetti a lungo termine. 

 

 

moggio michele 2

DOTT. MICHELE MOGGIO

Laurea Specialistica in Farmacia
Master in Naturopatia e Terapie Complementari

Bibliografia:

Divyesh Thakker, Amit Raval, Isha Patel, Rama Walia, “N-Acetylcysteine for Polycystic Ovary Syndrome: A Systematic Review and
Meta-Analysis of Randomized Controlled Clinical Trials”, Obstetrics and Gynecology International, vol. 2015, Article ID 817849, 13 pages, 2015.
https://doi.org/10.1155/2015/817849

Salehpour, S., Akbari Sene, A., Saharkhiz, N., Sohrabi, M.R. and Moghimian, F. (2012), N-acetylcysteine as an adjuvant to clomiphene citrate
for successful induction of ovulation in infertile patients with polycystic ovary syndrome. Journal of Obstetrics and Gynaecology Research, 38: 1182-1186.
https://doi.org/10.1111/j.1447-0756.2012.01844.x

Gerry K. Schwalfenberg, “N-Acetylcysteine: A Review of Clinical Usefulness (an Old Drug with New Tricks)”, Journal of Nutrition
and Metabolism, vol. 2021, Article ID 9949453, 13 pages, 2021. https://doi.org/10.1155/2021/9949453

Halil Ciftci, Ayhan Verit, Murat Savas, Ercan Yeni, Ozcan Erel, Effects of N-acetylcysteine on Semen Parameters and Oxidative/Antioxidant
Status, Urology, Volume 74, Issue 1, 2009, Pages 73-76, ISSN 0090-4295, https://doi.org/10.1016/j.urology.2009.02.034. 

Michael Berk, Gin S. Malhi, Laura J. Gray, Olivia M. Dean, The promise of N-acetylcysteine in neuropsychiatry, Trends in Pharmacological
Sciences, Volume 34, Issue 3, 2013, Pages 167-177, ISSN 0165-6147, https://doi.org/10.1016/j.tips.2013.01.001.

Michael Berk, Olivia Dean, Sue M. Cotton, Clarissa S. Gama, Flavio Kapczinski, Brisa S. Fernandes, Kristy Kohlmann, Susan Jeavons, Karen
Hewitt, Christine Allwang, Heidi Cobb, Ashley I. Bush, Ian Schapkaitz, Seetal Dodd, Gin S. Malhi,

The efficacy of N-acetylcysteine as an adjunctive treatment in bipolar depression: An open label trial, Journal of Affective Disorders, Volume
135, Issues 1–3, 2011, Pages 389-394, ISSN 0165-0327, https://doi.org/10.1016/j.jad.2011.06.005.

L.F. Prescott, A. Ballantyne, A.T. Proudfoot, J. Park, P. Adriaenssens, TREATMENT OF PARACETAMOL (ACETAMINOPHEN) POISONING WITH
N-ACETYLCYSTEINE, The Lancet, Volume 310, Issue 8035, 1977, Pages 432-434, ISSN 0140-6736, https://doi.org/10.1016/S0140-6736(77)90612-2.

Khoshbaten M, Aliasgarzadeh A, Masnadi K, Tarzamani MK, Farhang S, Babaei H, Kiani J, Zaare M, Najafipoor F. N-acetylcysteine improves liver
function in patients with non-alcoholic Fatty liver disease. Hepat Mon. 2010 Winter;10(1):12-6. Epub 2010 Mar 1. PMID: 22308119; PMCID: PMC3270338.

Lai, Z.-W., Hanczko, R., Bonilla, E., Caza, T.N., Clair, B., Bartos, A., Miklossy, G., Jimah, J., Doherty, E., Tily, H., Francis, L.,
Garcia, R., Dawood, M., Yu, J., Ramos, I., Coman, I., Faraone, S.V., Phillips, P.E. and Perl, A. (2012), N-acetylcysteine reduces disease activity by blocking
mammalian target of rapamycin in T cells from systemic lupus erythematosus patients: A randomized, double-blind, placebo-controlled trial. Arthritis &
Rheumatism, 64: 2937-2946. https://doi.org/10.1002/art.34502

Coles, L.D., Tuite, P.J., Öz, G., Mishra, U.R., Kartha, R.V., Sullivan, K.M., Cloyd, J.C. and Terpstra, M. (2018), Repeated-Dose Oral N-Acetylcysteine in Parkinson’s Disease: Pharmacokinetics and Effect on Brain Glutathione and Oxidative Stress. The Journal of Clinical Pharmacology, 58:
158-167. https://doi.org/10.1002/jcph.1008

Tardiolo, G.; Bramanti, P.; Mazzon, E. Overview on the Effects of N-Acetylcysteine in Neurodegenerative Diseases. Molecules 2018, 23, 3305. https://doi.org/10.3390/molecules23123305

Walters MT, Rubin CE, Keightley SJ, Ward CD, Cawley MI. A double-blind, cross-over, study of oral N-acetylcysteine in Sjögren’s syndrome.
Scandinavian Journal of rheumatology. Supplement. 1986 ;61:253-258. PMID: 3296153.

Romagnoli, C., Marcucci, T., Picariello, L. et al. Role of N-acetylcysteine and GSH redox system on total and active MMP-2 in intestinal myofibroblasts of Crohn’s disease patients. Int J Colorectal Dis 28, 915–924 (2013). https://doi.org/10.1007/s00384-012-1632-2

 Manjit K. Hunjan, Derek F. Evered, Absorption of glutathione from the gastro-intestinal tract, Biochimica et Biophysica Acta (BBA) – Biomembranes, Volume 815, Issue 2, 1985, Pages 184-188, ISSN 0005-2736, https://doi.org/10.1016/0005-2736(85)90287-1.

Daniela Buonocore, Matteo Grosini, Silvana Giardina, Angela Michelotti, Mariaelena Carrabetta, Antonio Seneci, Manuela Verri, Maurizia Dossena, Fulvio Marzatico, “Bioavailability Study of an Innovative Orobuccal Formulation of Glutathione”, Oxidative Medicine and Cellular Longevity, vol. 2016, Article ID 3286365, 7 pages, 2016. https://doi.org/10.1155/2016/3286365

Dave Krishan Sharma, Peeyush Sharma. Augmented Glutathione Absorption from Oral Mucosa and its Effect on Skin Pigmentation: A Clinical Review. Clinical, Cosmetic and Investigational Dermatology; Auckland Vol. 15,  (2022): 1853-1862.

Julian Oestreicher and Bruce Morgan. Glutathione: subcellular distribution and membrane transport. Biochemistry and Cell Biology. 97(3): 270-289. https://doi.org/10.1139/bcb-2018-0189

Regulation of cellular glutathione. S. M. Deneke and B. L. Fanburg. American Journal of Physiology-Lung Cellular and Molecular Physiology 1989 257:4, L163-L173

Rhodes, K., Braakhuis, A. Performance and Side Effects of Supplementation with N-Acetylcysteine: A Systematic Review and Meta-Analysis. Sports Med 47, 1619–1636 (2017). https://doi.org/10.1007/s40279-017-0677-3

Gordon F. Rushworth, Ian L. Megson, Existing and potential therapeutic uses for N-acetylcysteine: The need for conversion to intracellular glutathione for antioxidant benefits, Pharmacology & Therapeutics, Volume 141, Issue 2, 2014, Pages 150-159, ISSN 0163-7258, https://doi.org/10.1016/j.pharmthera.2013.09.006.

De Rosa, S., Zaretsky, M., Dubs, J., Roederer, M., Anderson, M., Green, A., Mitra, D., Watanabe, N., Nakamura , H., Tjioe, I., Deresinski, S., Moore, W., Ela, S., Parks, D., Herzenberg, L. and Herzenberg, L. (2000), N-acetylcysteine replenishes glutathione in HIV infection. European Journal of Clinical Investigation, 30: 915-929. https://doi.org/10.1046/j.1365-2362.2000.00736.x

Burgunder, J.M., Varriale, A. & Lauterburg, B.H. Effect of N-acetylcysteine on plasma cysteine and glutathione following paracetamol administration. Eur J Clin Pharmacol 36, 127–131 (1989). https://doi.org/10.1007/BF00609183

Richie, J.P., Nichenametla, S., Neidig, W. et al. Randomized controlled trial of oral glutathione supplementation on body stores of glutathione. Eur J Nutr 54, 251–263 (2015). https://doi.org/10.1007/s00394-014-0706-z

Disclaimer e Note Legali:

Le informazioni contenute nel Sito hanno esclusivamente scopo informativo, possono essere modificate o rimosse in qualsiasi momento, e comunque in nessun caso possono costituire la formulazione di una diagnosi o la prescrizione di un trattamento.
Le informazioni contenute nel Sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto medico-paziente o la visita specialistica.
Si raccomanda di chiedere sempre il parere del proprio medico curante e/o di specialisti riguardo qualsiasi indicazione riportata.
Se si hanno dubbi o quesiti sull’uso di un medicinale o di un qualsiasi tipo di integratore è necessario consultare il proprio medico.

Back to list

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *