DIAGNOSTICA

DEMODEX: PROBABILMENTE NON SAI CHE QUESTI ACARI VIVONO SULLA TUA PELLE

DEMODEX: PROBABILMENTE NON SAI CHE QUESTI ACARI VIVONO SULLA TUA PELLE

Mentre state leggendo questo articolo, centinaia se non migliaia di piccoli acari vermiformi stanno passeggiando e banchettando allegramente sulla vostra pelle.

I demodex sono un genere di acari specie-specifici, commensali obbligati ed ubiquitari, di piccole dimensioni (0,2-0,4 mm), che vivono sia sulla superficie della pelle che all’interno delle ghiandole sebacee della maggior parte dei mammiferi.

Dal punto di vista tassonomico esistono oltre 70 specie di demodex; nella tabella 1 sono riportate quelle principali. In genere sulla pelle degli esseri umani se ne ritrovano principalmente di due tipi: il demodex folliculorum (che staziona in genere nei pori e nei follicoli piliferi) e il demodex brevis che colonizza le ghiandole sebacee.

ACARI DEMODEX
PRINCIPALI SPECIE CARATTERISTICHE
DEMODEX BREVIS Tipicamente presente nell’uomo
DEMODEX BOVIS Provoca demodicosi e rogna demodetica nei bovini
DEMODEX CANIS Causa la rogna rossa nel cane
DEMODEX CAPRAE Causa grave demodicosi nelle capre
DEMODEX CATI Provoca infiammazioni e perdita di pelo nei gatti
DEMODEX EQUI Tipicamente presente nei cavalli
DEMODEX FOLLICULORUM Commensale obbligato presente nell’uomo
DEMODEX OVIS Può provocare demodicosi ovina
DEMODEX PHYLLOIDES Può causare demodicosi nei cinghiali

Tab. 1 – Specie di acari demodex

Il demodex folliculorum fu scoperto per la prima volta nel 1841 e poi identificato come acaro nel 1842 dal dermatologo Karl Gustav Theodor Simon. Nel 1844 venne invece identificato l’entozoon folliculorum, successivamente denominato demodex brevis.

Il demodex folliculorum è lungo circa 0,3-0,4 mm mentre il demodex brevis è lungo 0,2-03 mm. Entrambi sono costituiti da:

– una testa, detta gnatostoma, dotata di occhi ed uncini per aggrapparsi alla pelle

– un corpo vermiforme più o meno allungato da cui spuntano dalle 6 (nelle larve) alle 8 (negli adulti) paia di zampette.

Sia il demodex folliculorum che il brevis hanno un ciclo vitale della durata di 14-16 giorni che prevede diversi stadi di crescita (tab. 2). In genere una femmina di demodex depone circa 25 uova nei follicoli piliferi.

STADI DI CRESCITA DEGLI ACARI DEMODEX
FASE DURATA
UOVO 60 ore
LARVA 36 ore
PROTONINFA 72 ore
DEUTONINFA 60 ore
ADULTO 120 ore

Tab. 2 – Stadi di crescita degli acari demodex

Entrambi questi acari colonizzano principalmente la pelle del viso nelle regioni a maggior presenza di ghiandole sebacee (es. naso, pieghe naso-labiali, palpebre, guance, fronte). Sia il demodex folliculorum che il demodex brevis fanno parte della flora microbiologica cutanea e generalmente non destano alcun problema per l’essere umano.

In conduzioni fisiologiche, la concentrazione di acari demodex tende ad aumentare con l’avanzare dell’età. Individui di età superiore ai 70 anni possono presentare colonie da 1000 a 2000 acari. Tuttavia in situazioni particolari, per esempio negli individui immunocompromessi, malnutriti o affetti da patologie (es. diabete, rosacea, neoplasie, blefariti, ecc.), il numero degli acari demodex può essere elevato anche in età giovanile con 10-20 demodex per cm2 contro 1 o 2 demodex per cm2 nei soggetti sani.

L’elevata concentrazione di demodex o l’ipersensibilità della nostra pelle a questi acari possono scatenare delle reazioni infiammatorie anche gravi. Tra queste condizioni patologiche, tipicamente definite demodicosi, possiamo annoverare:

– Le sindromi rosaceiformi papulo pustolose (Fig. 1)

– Le dermatiti periorali

– Le blefariti croniche

DEMODEX: PROBABILMENTE NON SAI CHE QUESTI ACARI VIVONO SULLA TUA PELLE

Fig. 1 – Sindrome rosaceiforme demodetica

Dal punto di vista eziologico, l’attività infiammatoria del demodex dipende in gran parte dalla capacità di questo acaro di liberare, dopo la sua morte, tutto quello che ha accumulato nel corso della sua vita. Infatti gli acari demodex non eliminano gradualmente le scorie del loro metabolismo ma le raccolgono nell’opistosoma, ovvero nel loro addome. Tra queste sostanze sono presenti anche alcuni tipi di batteri, come il bacillus oleronius, che sono correlati allo sviluppo della rosacea papulo pustolosa e dell’acne.

MA COME SI FA A SCOPRIRE LA PRESENZA DEL DEMODEX SULLA PELLE?

Semplice…..basta eseguire un vetrino cutaneo!

Prima di procedere con l’analisi, occorre avere a disposizione alcuni strumenti:

– nastro adesivo trasparente

– forbici

– vetrini per microscopia

– un microscopio ottico

Esistono differenti metodiche per riuscire a valutare la presenza dei demodex sulla propria pelle. Tra queste, forse la più semplice, consiste nel prelevare un campione del materiale presente sullo strato corneo con un semplice nastro adesivo trasparente.

  1. Si preparano dei pezzi di nastro adesivo lunghi circa 5 cm e si applicano in prossimità delle guance, della fronte e nelle aree ad alta concentrazione di ghiandole sebacee. In caso di rosacea papulo pustolosa, consiglio di applicare il nastro a livello delle lesioni infiammatorie, facendo fuoriuscire un po’ di materiale sieroso presente all’interno delle pustole.
  1. Si tampona delicatamente in modo da far aderire perfettamente il nastro e lo si lascia in posa per un periodo di tempo opportuno. Il tempo di adesione dipende molto dalle caratteristiche della pelle, possono essere necessari pochi minuti fino ad un massimo di 20-30 minuti.
  1. Si toglie il nastro adesivo e lo si applica sul vetrino per microscopia, facendo attenzione di farlo aderire perfettamente alla superficie di vetro.
  1. Si inizia l’analisi al microscopio partendo con ingrandimenti minimi (10x) per poi passare a quelli mediamente superiori (20-40x). Questo permette di visualizzare sia i demodex adulti (Fig. 2) che le larve del parassita.

DEMODEX: PROBABILMENTE NON SAI CHE QUESTI ACARI VIVONO SULLA TUA PELLE

Fig. 2 – Demodex folliculorum

Se vuoi avere maggiori informazioni su come eseguire la ricerca dei Demodex, ti invito a guardare questo video.

Dal punto di vista cosmetico il dipartimento di ricerca della Voxal Corporation si è concentrato sullo sviluppo di un prodotto che potesse essere di particolare aiuto per i soggetti a pelle sensibile e facilmente arrossabile.

Lipodermic rappresenta la punta di diamante di tutti i nostri studi clinici

focalizzati sull’azione lenitiva, idratante ed antiossidante.

In particolare:

Lipodermic ha superato il test clinico di attività lenitiva ed antipruriginosa sotto controllo dermatologico

Lipodermic è capace di aumentare l’idratazione profonda e superficiale della pelle, riducendo la perdita di acqua transcutanea (TEWL)

Lipodermic mostra attività antiossidante in vitro in quanto inibisce il rilascio di ROS (specie reattive dell’ossigeno)

L’azione lenitiva, idratante ed antiossidante di LIPODERMIC può rivelarsi utile per mantenere in buono stato la pelle soprattutto in caso di couperose. Inoltre anche i soggetti affetti da rosacea possono trovare in Lipodermic un potenziale aiuto cosmetico per limitare l’aspetto dei sintomi della malattia.

Lipodermic è un prodotto dermatologicamente testato e adatto per soggetti a pelle sensibile; inoltre, avendo superato il test in vitro del potenziale pro-sensibilizzante, risulta particolarmente indicato per i soggetti più sensibili.

Dott. Michele Moggio

Laurea Specialistica in Farmacia

Master in Naturopatia e Terapie Complementari

Bibliografia:

Robert Aylesworth, J. Corwin Vance, Demodex folliculorum and Demodex brevis in cutaneous biopsies, Journal of the American Academy of Dermatology, Volume 7, Issue 5, 1982, Pages 583-589, ISSN 0190-9622, https://doi.org/10.1016/S0190-9622(82)70137-9.

Danuta I. Kosik-Bogacka, Natalia Łanocha, Aleksandra Łanocha, Damian Czepita, Andrzej Grobelny, Barbara Zdziarska & Elżbieta Kalisińska (2013) Demodex folliculorum and Demodex brevis in healthy and immunocompromised patients, Ophthalmic Epidemiology, 20:3, 159-163, DOI: 10.3109/09286586.2013.789532

Rufli, T & Mumcuoglu, Kosta & Cajacob, A & Buechner, Stanislaw. (1981). Demodex folliculorum: Aetiopathogenesis and therapy of rosacea and perioral dermatitis. Dermatologica. 162. 12-26.

Hom, Milton M.; Mastrota, Katherine M.; Schachter, Scott E. Demodex, Optometria e scienze della vista: luglio 2013 – Volume 90 – Numero 7 – p e198-e205 doi: 10.1097/OPX.0b013e3182968c77

  1. Bonnar, P. Eustace, F.C. Powell, The Demodex mite population in rosacea, Journal of the American Academy of Dermatology, Volume 28, Issue 3, 1993, Pages 443-448, ISSN 0190-9622, https://doi.org/10.1016/0190-9622(93)70065-2.

Jing Zhong, Yiwei Tan, Saiqun Li, Lulu Peng, Bowen Wang, Yuqing Deng, Jin Yuan, “The Prevalence of Demodex folliculorum and Demodex brevis in Cylindrical Dandruff Patients”, Journal of Ophthalmology, vol. 2019, Article ID 8949683, 7 pages, 2019. https://doi.org/10.1155/2019/8949683

Back to list

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *