NUTRIZIONE E CHIMICA DEGLI ALIMENTI

CAFFEINA – PROPRIETA’ E POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

proprietà ed effetti collaterali della caffeina

La caffeina è un alcaloide contenuto in concentrazioni differenti nelle piante di caffè, thè, cacao, guaranà, cola e mate.

A dosi comuni (max. 2 caffè/die) la caffeina stimola:

  • I centri bulbari (incremento della velocità e profondità dei respiri, rilascio delle resistenze periferiche vasali)
  • I centri corticali (aumento della diuresi per incremento della filtrazione glomerulare)
  • Il metabolismo basale (aumento della lipolisi e della glicolisi)

La caffeina promuove inoltre la secrezione acida dello stomaco ed incrementa sia la frequenza che la forza contrattile del cuore.

A dosi più elevate (circa 5 grammi/die per l’uomo) la caffeina provoca convulsioni fatali per stimolazione diretta del sistema nervoso spinale.

La caffeina a dosaggi comuni (max. 2 caffè/die) non determina assuefazione o crisi di astinenza.

POTENZIALI EFFETTI POSITIVI DEL CONSUMO DI CAFFE’

Nel corso degli anni, sono stati condotti diversi studi clinici per valutare gli effetti specifici del caffè sul corpo umano.

Tra le attività farmacologiche utili è emerso quanto segue:

  • Il consumo di caffè sembra essere associato ad un rischio minore di incidenza di tumori epatici e colon-rettali
  • Il caffè, in quanto pianta adattogena, determina un incremento delle prestazioni fisiche (aumento della forza contrattile) e psichiche (flusso di pensieri più nitido)
  • La caffeina può favorire l’azione di alcuni farmaci. Associata all’ergotamina (trattamento dell’emicrania) o all’aspirina (trattamento del dolore lieve) ne migliora l’assorbimento.
  • Il consumo di caffè sembra essere associato ad un rischio minore di incidenza di diabete di tipo 2
  • La caffeina determina azione adipolitica sul tessuto grasso. Questa funzione viene sfruttata in cosmetica per il trattamento della cellulite.
caffè

POTENZIALI EFFETTI NEGATIVI DEL CONSUMO DI CAFFE’

Nonostante le attività stimolanti del caffè, un consumo continuo di questa bevanda può provocare effetti collaterali anche gravi.

Tra le attività tossiche è emerso quanto segue:

  •  Il consumo di prodotti contenenti caffeina (es. caffè, estratti di guaranà ecc.) sembra essere associato ad un incremento nell’incidenza dell’artrite reumatoide per innalzamento del fattore reumatoide
  • Il consumo di caffè determina incremento della concentrazione di omocisteina plasmatica. Un aumento dell’omocisteina nel sangue è associato ad un incremento delle malattie cardiocircolatorie (es. infarto del miocardio).
  • Il consumo di caffè determina un incremento nell’incidenza di tumori pancreatici.
  • Il consumo di caffè determina un incremento del 20% dell’incidenza di tumori del tratto genito-urinario.
  • Individui con lento metabolismo della caffeina possono incorrere in rischi cardiocircolatori maggiori in caso di assunzione di caffè.
  • Il consumo di caffè determina un marcato peggioramento delle patologie gastroduodenali (es. ulcere, gastriti, duodeniti, esofagiti ecc.).
  • E’ stato dimostrato che la caffeina ha effetti teratogeni ed è quindi sconsigliato assumere caffè durante la gravidanza.
  • La caffeina può determinare un incremento della secrezione di cortisolo (ormone dello stress). A lungo andare, alterazioni della liberazione del cortisolo provocano effetti stressogeni generalizzati (es. affaticamento, astenia, ecc.).
  • La caffeina può determinare ulteriori complicazioni in soggetti ipertesi. Tuttavia questo effetto necessita di ulteriori chiarimenti; sembra che l’alcaloide caffeina possa generare un flusso sanguigno turbolento all’interno dei vasi.
  • Associazione tra caffè, alcool o fumo di sigaretta determina un incremento di tutti gli effetti tossici di ogni singola sostanza.

CONSIGLI GENERALI

Il consiglio che ti posso dare è quello di ridurre al minimo il consumo di caffè o di altre bevande contenenti caffeina, per non incorrere in potenziali e gravi effetti collaterali. 

Voglio ricordarti che:

  • Una tazzina di caffè espresso può contenere da 50 a 80 mg di caffeina.
  • Una tazzina di caffè moka può contenere oltre 100 mg di caffeina.
  • Una lattina di bevanda energetica contiene circa 80 mg di caffeina.
  • Una tazza di tè nero conteine circa 45 mg di caffeina.
  • Una tazza di tè verde contiene circa 20 mg di caffeina.
  • 100 ml di tè bianco contengono circa 15 mg di caffeina.
Dott. Michele Moggio
Dott. Michele Moggio

Laurea Specialistica in Farmacia
Master in Naturopatia e Terapie Complementari

Bibliografia

Nurminen, ML., Niittynen, L., Korpela, R. et al. Coffee, caffeine and blood pressure: a critical review. Eur J Clin Nutr 53, 831–839 (1999). https://doi.org/10.1038/sj.ejcn.1600899

Heckman, M.A., Weil, J. and De Mejia, E.G. (2010), Caffeine (1, 3, 7-trimethylxanthine) in Foods: A Comprehensive Review on Consumption, Functionality, Safety, and Regulatory Matters. Journal of Food Science, 75: R77-R87. https://doi.org/10.1111/j.1750-3841.2010.01561.x

Petra Verhoef, Wilrike J Pasman, Trinette van Vliet, Rob Urgert, Martijn B Katan, Contribution of caffeine to the homocysteine-raising effect of coffee: a randomized controlled trial in humans, The American Journal of Clinical Nutrition, Volume 76, Issue 6, December 2002, Pages 1244–1248, https://doi.org/10.1093/ajcn/76.6.1244

Villanueva, C.M., Silverman, D.T., Murta-Nascimento, C. et al. Coffee consumption, genetic susceptibility and bladder cancer risk. Cancer Causes Control 20, 121–127 (2009). https://doi.org/10.1007/s10552-008-9226-6

. (2021) Association Between Alcohol Consumption and Risk of Bladder Cancer: A Dose-Response Meta-Analysis of Prospective Cohort Studies. Frontiers in Oncology 11.

Karlson, E.W., Mandl, L.A., Aweh, G.N. and Grodstein, F. (2003), Coffee consumption and risk of rheumatoid arthritis. Arthritis & Rheumatism, 48: 3055-3060. https://doi.org/10.1002/art.11306

Rob M van Dam, Edith JM Feskens, Coffee consumption and risk of type 2 diabetes mellitus, The Lancet, Volume 360, Issue 9344, 2002, Pages 1477-1478, ISSN 0140-6736,
https://doi.org/10.1016/S0140-6736(02)11436-X. (https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S014067360211436X)

Berta Yolanda Selviana, EFFECT OF COFFEE AND STRESS WITH THE INCIDENCE OF GASTRITIS, J MAJORITY|Volume 4 Nomor2|Januari 2015|4 

Papakonstantinou, E., Kechribari, I., Sotirakoglou, Κ. et al. Acute effects of coffee consumption on self-reported gastrointestinal symptoms, blood pressure and stress indices in healthy individuals. Nutr J 15, 26 (2015). https://doi.org/10.1186/s12937-016-0146-0

K.M. Kuczkowski, Peripartum implications of caffein intake in pregnancy: Is there cause for concern?, Revista Española de Anestesiología y Reanimación, Volume 56, Issue 10,
2009, Pages 612-615, ISSN 0034-9356, https://doi.org/10.1016/S0034-9356(09)70477-3.

Copywrite:

Background photo created by dashu83 – www.freepik.com

Back to list

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.